LA FONDAZIONE PARTNER DELLA TORRES TENNIS

LA FONDAZIONE PARTNER DELLA TORRES TENNIS

LA FONDAZIONE PARTNER DELLA TORRES TENNIS PER LA SFIDA MACRO AREA CENTRO-SUD: «I GIOVANI SONO IL...

Un Torresino speciale: Angelo Carboni

Un Torresino speciale: Angelo Carboni

IL NOSTRO CAMPIONATO E' RIPRESO. Nella serata di giovedì 6 luglio in rappresentanza della...

Presentazione Nuova Torres

Presentazione Nuova Torres

Nei giorni scorsi si è tenuta la presentazione pubblica della Nuova Torres. Su invito di...

Premio per Tore Pinna

Premio per Tore Pinna

Ieri sera, 25 aprile,  la Fondazione s.e.f. Torres 1903, nella splendida sala interna del...

T-Shirt

T-Shirt

la t-shirt che ricorda le maglie degli esordi per sostenere la trasferta di lanusei:ecco...

  • LA FONDAZIONE PARTNER DELLA TORRES TENNIS

    LA FONDAZIONE PARTNER DELLA TORRES TENNIS

    Giovedì, 20 Luglio 2017 10:14
  • Un Torresino speciale: Angelo Carboni

    Un Torresino speciale: Angelo Carboni

    Martedì, 11 Luglio 2017 12:52
  • Presentazione Nuova Torres

    Presentazione Nuova Torres

    Venerdì, 23 Giugno 2017 09:10
  • Premio per Tore Pinna

    Premio per Tore Pinna

    Mercoledì, 26 Aprile 2017 12:24
  • T-Shirt

    T-Shirt

    Martedì, 21 Febbraio 2017 14:57

Dirty Soccer

La Fondazione Sef Torres 1903 è stata ammessa come parte civile al processo “Dirty Soccer”, che si celebra a Catanzaro. La vicenda giudiziaria muove dall’indagine su presunte combine messe in atto da formazioni di calcio di serie B, Lega Pro e Dilettanti nel 2014 e nel 2015. La Procura di Catanzaro aveva chiesto il rinvio a giudizio per 63 indagati tra dirigenti, calciatori e collaboratori di società professionistiche e semiprofessionistiche. Tra questi l’imprenditore Domenico Capitani e l’avvocato Vincenzo Nucifora, all’epoca rispettivamente presidente e direttore sportivo della Torres.

È un fatto storico: per la prima volta una Fondazione che raggruppa le diverse anime del tifo di una squadra di calcio si è vista accogliere l’istanza di costituzione di parte civile, presentata oggi al gup Assunta Maiore dal legale della Fondazione, l’avvocato Cesare Badolato del Foro di Cosenza.

È quello che volevamo dal primo momento, Domenico Capitani è l’unico responsabile della retrocessione e ancora oggi, al netto delle responsabilità della gestione Piraino, siamo certi che i debiti oramai incolmabili della società e la pessima gestione abbiano lo stesso responsabile.

Il signor Capitani ora dovrà difendersi nel processo non solo dal pm ma anche da noi, che rappresentiamo l’accusa privata.
Siamo alla resa dei conti, e stavolta non potrà più sottrarsi.

  Seguici su Facebook     seguici su Twitter     Seguici su Flickr     seguici su Youtube